07/08/2020

07/08/2020

07/08/2020

La legge spagnola impone agli istituti finanziari di identificarsi
affidabile per i clienti. I documenti variano a seconda del luogo di
residenza.
residenti
Gli spagnoli devono presentare il documento di identità / NIF (numero
identificazione fiscale).
I cittadini comunitari devono facilitare:
1) passaporto e NIE (numero di identità straniero); o
2) documento di identità del tuo paese e NIE); o
3) CRAVATTA (carta d'identità estera).
I cittadini di paesi terzi devono presentare la propria presenza
in ogni caso il CRAVATTA.
non residenti
Gli spagnoli non residenti nel territorio nazionale devono provarlo
questa condizione con il NIF o il passaporto più il certificato consolare di
iscrizione nel registro di residenza o DRF3 del paese. Il resto di
gli stranieri devono presentare passaporto o documento di identità
dal tuo paese più la certificazione di residenza negativa rilasciata da
Ministero dell'Interno o DRF3.
BBVA chiede ai futuri clienti i dati minimi di attività.
Queste informazioni sono riportate nel documento DAE (Dichiarazione di attività
economico) dove il cliente informa l'entità della sua attività professionale
insieme all'autorizzazione al trattamento dei dati personali dell'utente per conformarsi
con le normative applicabili in materia.
Per accreditare e contrastare quanto dichiarato dal cliente, BBVA può richiedere,
inoltre, documenti che giustificano l'attività economica o richiedono il cliente
informazioni sull'origine dei tuoi fondi. La documentazione in questo caso
Dipende dal fatto che il nuovo cliente sia autonomo o impiegato.

Cos'è il N.I.E ? E a cosa serve?

Numero di identità straniero (NIE)


Gli stranieri che, per i loro interessi economici, professionali o sociali, sono legati alla Spagna, saranno dotati, a fini identificativi, di un numero personale, unico ed esclusivo, di natura sequenziale.

Il numero personale sarà l'identificatore dello straniero, che deve apparire su tutti i documenti che vengono emessi o elaborati, nonché sulle procedure che sono stampate sulla carta d'identità o sul passaporto.

Per la cessione di NIE dovuta a interessi economici, professionali o sociali, saranno accettate le seguenti richieste:

Quelli presentati personalmente in Spagna dall'interessato,
Quelli presentati in Spagna tramite un rappresentante,
Quelli che compaiono nelle rappresentanze diplomatiche o negli uffici consolari spagnoli situati nel paese di residenza del richiedente, corrispondenti alla loro delimitazione di residenza.
Per l'assegnazione di tale numero, devono essere forniti i seguenti documenti:

Modulo di domanda standardizzato (EX-15), debitamente compilato e firmato dallo straniero.
Originale e copia del passaporto completo, del documento di identità, del titolo di viaggio o della carta di registrazione in vigore.
Comunicazione delle cause economiche, professionali o sociali che giustificano la richiesta.
Se richiesto tramite un rappresentante, deve dimostrare di disporre di un potere sufficiente dichiarando espressamente di essere autorizzato a presentare tale richiesta.
Nota sulla validità dei documenti pubblici esteri: per verificare i requisiti necessari riguardanti la legalizzazione e la traduzione di documenti pubblici stranieri, è possibile consultare la scheda informativa del Segretariato Generale per l'Immigrazione e l'Emigrazione (vedere LINK ESTERNI).

LINK ESTERNI
Foglio informativo sulla legalizzazione e traduzione dei documenti del Segretariato Generale per l'Immigrazione e l'Emigrazione
Sede elettronica della direzione generale di polizia (procedure di immigrazione)

A cosa serve il NIE?

È di vitale importanza per residenti e proprietari di immobili in Spagna - Il NIE è richiesto per gli stranieri (compresi i cittadini dell'UE) che intendono vivere o possedere una proprietà in Spagna. In sostanza, la NIE è necessaria per qualsiasi attività economica in Spagna (anche se il titolare della NIE è tassato in un'altra giurisdizione), come l'acquisto o la vendita di proprietà, la registrazione presso l'ufficio delle imposte e il pagamento delle tasse in generale , l'acquisto o la vendita di un veicolo, l'ottenimento della patente di guida, il possesso di un'impresa, il lavoro, l'accesso ai servizi di sicurezza sociale e sanitaria, i servizi pubblici (ad esempio, la fornitura di acqua e elettricità), apertura di un conto bancario locale (anche se non necessario per un conto bancario "non residente"), accettazione di un'eredità, ecc.

Molto importante:

Il NIE non è un visto o un permesso di soggiorno - Il NIE non rilascia un visto o un permesso di soggiorno di per sé. Tuttavia, per quanto precede, è uno dei requisiti per gli stranieri che desiderano risiedere in Spagna.
Ciò non implica la residenza fiscale - Sebbene il certificato NIE possa indicare che il proprietario è residente in Spagna. In realtà, ciò non implica né provoca la residenza fiscale di per sé. Il concetto di residenza fiscale (o domicilio fiscale) è diverso. Al momento di questo articolo, un individuo diventa un residente fiscale in Spagna per aver risieduto 183 o più giorni all'anno in Spagna (vale a dire, più della metà dell'anno cumulativamente).

Ciò non implica la residenza locale - Gli stranieri che possiedono la proprietà o che vivono in Spagna devono registrarsi nel "registro comunale" (vale a dire, gli elenchi comunali degli abitanti di una comunità locale). Relativamente alla NIE, anche la registrazione nel registro non implica la residenza fiscale. Tuttavia, si raccomanda la registrazione per garantire: (I) la riduzione delle tasse rispetto all'IBI (a seconda della politica del consiglio locale); (II) accedere ai servizi locali; e (III) maggiori investimenti del governo centrale nei servizi e nelle infrastrutture locali.

23/03/2020

Requisiti, procedure e documentazione per gli stranieri in Spagna
Sei uno straniero e vuoi impegnarti in Spagna? Hai un progetto innovativo e vuoi creare un'attività in Spagna ma sei di un altro paese? Gli stranieri possono aprire un'azienda nel nostro paese? La risposta è si. Gli accordi in vigore tra i paesi membri dell'UE e i territori inclusi nello Spazio economico europeo, stabiliscono che ogni cittadino dell'UE ha il diritto di creare la propria azienda (anche come unico proprietario). È inoltre consentito creare una succursale di una società già stabilita, con sede legale e registrata nell'UE. Naturalmente, è necessario rispettare una serie di requisiti, tenere conto di determinati aspetti ed eseguire le procedure necessarie per poter operare legalmente.

Requisiti che uno straniero deve intraprendere in Spagna

Uno straniero che desidera creare la propria attività in Spagna deve soddisfare i seguenti requisiti:

Risiedere legalmente in Spagna.
Che l'idea dell'azienda abbia la capacità di creare posti di lavoro ed è di interesse economico per la Spagna.
Essere maggiorenne
Nessun casellario giudiziario negli ultimi cinque anni.
Non apparire come "rifiutabile" in Spagna o in qualsiasi paese con cui hai accordi.
Avere un'assicurazione sanitaria nel nostro paese.
Prova di disporre di risorse sufficienti per la sua manutenzione e sistemazione, oltre ad avere gli investimenti necessari per iniziare a operare.
Avere la formazione e l'esperienza richieste per il progetto.
Rispettare le normative vigenti sui requisiti di apertura necessari, a seconda del tipo di attività.
Differenze tra gli stranieri appartenenti all'Unione Europea e quelli che non lo fanno

Quando si crea una società nel nostro paese, è anche importante distinguere tra cittadini europei e quelli che non lo fanno. In questo senso, oltre ai membri dell'UE, si considerano membri della comunità che appartengono allo Spazio economico europeo e Svizzera, Islanda, Norvegia o Liechtenstein. Tutti possono funzionare senza più requisiti rispetto ai precedenti. Tuttavia, se si prevede di rimanere per un periodo superiore a tre mesi, è necessario registrarsi anche presso il registro centrale degli stranieri presso il Ministero degli affari esteri o presso una stazione di polizia.

Da parte loro, gli stranieri extracomunitari devono richiedere un visto per imprenditori, oltre al permesso di soggiorno per imprenditori, dopo aver pagato le tasse applicabili.

 

I passaggi per creare una società in Spagna da un altro paese

Se i requisiti sono soddisfatti, è il momento di avviare il progetto. Per questo, è necessario presentare i seguenti documenti tradotti in spagnolo presso l'Ufficio consolare corrispondente ed eseguire le seguenti procedure.

La prima cosa è aprire un conto bancario in Spagna.
In secondo luogo, è necessario disporre di una relazione di interesse per l'attività imprenditoriale e di un piano aziendale. Oltre a dimostrare l'interesse del progetto per l'economia spagnola, verrà indicato se il progetto è fattibile o meno.
Presentare il modulo di domanda nel modello ufficiale (EX-07) in doppio, debitamente compilato e firmato.
Successivamente, è necessario registrarsi presso il Ministero del Tesoro e registrare la società nel registro mercantile. È possibile farlo nel portale CIRCE (Information Center e Business Creation Network), in modo telematico.
Nei casi in cui l'attività è un commercio al dettaglio ed è richiesto un locale con una superficie pari o inferiore a 300 metri quadrati, devono essere versati il ​​pagamento dell'imposta corrispondente e la dichiarazione di responsabilità.
Nel resto delle attività, è obbligatorio certificare le licenze necessarie per lo sviluppo dell'attività, indicando le procedure e le certificazioni necessarie.
Presentare il passaporto valido.
Paga le spese di residenza e di lavoro. Questi si accumuleranno al momento dell'ammissione al processo di candidatura e devono essere pagati entro dieci giorni lavorativi:
Modello 790 codice 052, sezione 2.1 autorizzazione iniziale per residenza temporanea.
Modello 790 Codice 062, sezione 1.5 “Autorizzazioni di lavoro autonomo.
Oltre a tutto quanto sopra, la documentazione deve essere presentata per dimostrare la conformità ai requisiti richiesti: certificato medico, invalidità di precedenti penali, giustificazione della capacità di investimento, ecc.

 

La registrazione nel comune è una procedura molto importante, sia per l'amministrazione locale, perché in questo modo il suo censimento comprende un numero di abitanti adeguati alla realtà, e quindi il governo centrale contribuisce con i fondi corrispondenti; come per il cittadino stesso, che può accedere a vantaggi come sconti su determinate tasse (fino al 55% su IBI e immondizia) o su attività di tipo culturale o sportivo ", ha ricordato il sindaco.

I residenti stranieri possono registrarsi presso il Municipio o presso la Casa della Cultura. Per quanto riguarda la documentazione, devono presentare un documento d'identità o passaporto, certificato di residenza o NIE (originale e copia), ultima ricevuta dell'IBI o atto o contratto di noleggio (originale e copia). Nel caso di minori, libretto di famiglia o certificato di nascita (originale e copia).

I volantini di registrazione degli elettori sono necessari per eseguire determinati tipi di procedure. Per esempio:

- Rilasciare o rinnovare il documento di identità nazionale (DNI).

- Rilasciare o rinnovare il passaporto.

- Per rinnovare la patente di guida.

- Per registrare un veicolo.

- Per richiedere un posto di scuola.

- Per accedere all'aiuto di disoccupazione.

- Per giustificare la residenza.

- Per ricevere assistenza dai servizi sociali o accedere a sconti.

- Procedure amministrative della Comunità autonoma di residenza o dell'Amministrazione centrale che non richiedono la presentazione di un certificato di registrazione.

In molti comuni è possibile richiedere questo documento per telefono, online, per posta o di persona. Può anche essere richiesto da una terza parte autorizzata. Per questo, sarà necessario mostrare il DNI insieme a una lettera di autorizzazione firmata dalla persona registrata, nonché una fotocopia del DNI dell'interessato.

Descrizione della procedura
Documento firmato da una parte interessata per avviare l'attività, in cui dichiara, sotto la sua responsabilità, di soddisfare i requisiti stabiliti dalla normativa vigente per accedere al riconoscimento di un diritto o facoltà o per il suo esercizio, che ha la documentazione che così Lo accredita e si impegna a mantenere la sua conformità durante il periodo di tempo inerente a tale riconoscimento o esercizio.

Documentazione richiesta
* Documentazione amministrativa: - Modulo standard debitamente compilato (in duplice copia). - N.I.F o N.I.E (fotocopia). - C.I.F dell'entità e N.I.F / N.I.E del legale rappresentante e documento che la accredita (Fotocopia). - Titolo della proprietà, contratto di locazione o documento equivalente (fotocopia). * Documentazione tecnica: - Rapporto di fattibilità urbana d'uso, rilasciato dalla Delegazione urbanistica o Certificato di sintesi urbana, secondo un modello standard, firmato da un tecnico competente, accompagnato da un piano di situazione su scala 1/1000 secondo l'attuale PGOU che segna la posizione costruzione esatta, approvata dal Professional College o in mancanza di tale dichiarazione responsabile della competenza del redattore tecnico. - Certificato di sicurezza delle strutture, secondo il modello standard, accompagnato da planimetrie, su una scala adeguata e standard, che riflette la distribuzione con mobili e usi delle diverse unità, nonché le strutture (esterni, illuminazione di emergenza, ecc. stabilimento e includere una leggenda con l'area costruita totale, suddivisa per magazzino e all'aperto, se l'attività non è inclusa nell'ambito della Legge 13/1999, o Legge 7/2007 e sue successive modifiche e ha una area costruita inferiore a 300m2, altrimenti deve essere presentato un progetto tecnico, accompagnato da un certificato della direzione tecnica delle strutture.

Descrizione della procedura
L'occupazione della via pubblica con tavoli, sedie, comodini, espositori, tavoli, piattaforme o elementi simili è regolata.

Documentazione richiesta
• Fotocopia del D.N.I. del titolare o fotocopia del C.I.F. del titolare, D.N.I. del rappresentante sottoscritto e del documento che accredita tale rappresentanza (atto societario o atto costitutivo, ecc.) • Licenza di apertura dello stabilimento o dichiarazione responsabile a nome del richiedente. • Schizzo limitato in scala 1:50 che esprime il luogo esatto, la forma dell'installazione e le dimensioni degli elementi. Nota: nel caso in cui i documenti richiesti siano presenti nel file di autorizzazione all'occupazione dell'anno precedente e che i dati del titolare, l'attività o l'area da occupare non siano stati modificati o modificati, la loro presentazione non sarà necessaria. Né sarà necessario presentare la documentazione che già funziona in altre dipendenze di questo Consiglio Comunale.

Il trasferimento di un'azienda è un accordo per la cessione del contratto di locazione di un locale o attività commerciale e materiale (beni, prodotti, ecc.) E immateriali (clienti, marchio, avviamento, ecc.) In cambio di un certo prezzo. Se i locali sono stati affittati da una società a responsabilità limitata o simile, una forma alternativa di trasferimento è l'acquisto di detta società.

Il trasferimento è una figura legale, preesistente alla legge sul leasing urbano (LAU) del 1994, sebbene al momento, per i nuovi contratti, è contemplata solo la cessione del contratto all'interno del contratto di locazione di locali commerciali, con o senza stock esistenza.

Le operazioni di cessione di un'azienda come mezzo di trasferimento non sono in linea di principio soggette all'IVA o all'imposta sul trasferimento di capitale (ITP), a condizione che l'attività sia trasferita nella sua interezza. Pertanto, il locatario che trasferisce l'attività deve emettere una fattura senza IVA per l'importo del trasferimento al nuovo inquilino.

Va inoltre notato che se le attività di trasferimento sono vendute separatamente, sono soggette all'IVA, ad eccezione degli immobili. E per quanto riguarda l'ITP, la trasmissione di veicoli e immobili fa maturare l'imposta.

18/03/2020

18/03/2020

18/03/2020

18/03/2020

17/03/2020

17/03/2020

17/03/2020

Malaga è una buona città per gli affari. Entrambi, se guardiamo verso l'interno come se lo facessimo nella provincia, vediamo molte opportunità in cui possiamo godere di molti vantaggi quando si tratta di guidare qualcosa. In questo articolo ti mostriamo i locali commerciali disponibili a Malaga in modo che tu possa ottenere il massimo da essi. Hai mai pensato di guidare qualcosa qui?

Quando parliamo di luoghi in cui possiamo avviare un'attività con ottime prospettive, Malaga è una delle città che si comporta meglio e alla quale dobbiamo ottime vendite. Grazie al movimento che esiste nella provincia durante tutto l'anno, è più facile raggiungere persone interessate a ciò che facciamo. Forse a causa delle garanzie che fornisce in quasi tutte le sue sezioni, una licenza di apertura a Malaga non è così difficile.

Anche se qualsiasi attività è fattibile quando si tratta di localizzare a Malaga, la verità è che ci sono alcuni che possono avere più successo di altri. Nel caso di a

Zona costiera dove la spiaggia è uno dei suoi principali protagonisti, tutto ciò che riguarda il mondo dell'ospitalità e della sistemazione sarà una vera barriera corallina. I turisti vengono in Costa del Sol alla ricerca di ciò che nel loro paese non viene loro offerto, quelli che partono da nord, trovano a Malaga un paradiso terrestre in cui festa e divertimento sono elementi che non possono mai mancare nemmeno in i tempi di fatturato più basso.

Per anni abbiamo visto Malaga scendere in strada in molti paesi in Europa e nel resto del mondo. Se hai soldi e vuoi investire in una città con un gran numero di turisti di ogni tipo, questa è senza dubbio un'opportunità d'oro.

Quando vendi una casa, è obbligatorio presentare i documenti che dimostrano che la casa è tua, che sei il proprietario di quella casa, che è gratuito e la certificazione energetica che la proprietà ha. In questo post, ti informiamo di tutti i documenti necessari per vendere con successo una proprietà.

Documentazione di identità
Un documento ufficiale come DNI deve essere presentato, per dimostrare che sei il proprietario della proprietà, i proprietari che vogliono vendere saranno identificati attraverso il loro documento di identità nazionale originale e valido.
Le Scritture
Documento in cui è citato l'attuale proprietario della casa, questo documento è registrato nel registro delle proprietà del luogo in cui si trova la proprietà.

Certificato energetico
Una delle prime procedure tecniche che è necessario eseguire è il certificato di efficienza energetica, necessario prima di mettere in vendita l'annuncio dell'immobile. Sia che tu faccia pubblicità online, in un'agenzia immobiliare o attraverso manifesti, devi mostrare la classificazione energetica della casa.

Dal 1 ° giugno 2013, questo documento è obbligatorio, il che indica l'efficienza di una casa utilizzando una scala di sette lettere, da A a G, il livello di CO2 in relazione alle dimensioni dell'edificio. Se non si dispone di questo certificato, è possibile essere sanzionati con una multa compresa tra 300 e 6.000 euro.

Certificato di abitabilità
Questo documento garantisce che la proprietà rispetta i livelli minimi richiesti, in modo che il luogo possa essere abitato, tenendo conto di aspetti quali la salute, l'igiene e la solidità della struttura della cabina.

Ultima ricevuta IBI
Deve essere presentata l'ultima ricevuta pagata della tassa immobiliare,

imposta imposta sulla proprietà, il notaio può richiedere le ultime 5 ricevute.

Certificato di ispezione tecnica edilizia (ITE)
Poiché è obbligatorio per gli edifici di età superiore ai 45 anni (con una revisione ogni 10 anni), un architetto o un architetto tecnico deve visitare la casa e verificare che la casa sia in buone condizioni.

Ipoteca: certificato di debito in sospeso e cancellazione del registro
Se siamo nel caso in cui abbiamo un mutuo, dobbiamo avere il Certificato di debito in sospeso, che specifica l'importo che è dovuto al momento del trasferimento della casa.
 Nel caso in cui nulla sia dovuto alla banca, nella Nota semplice sulla proprietà, è necessario dichiarare che la proprietà è gratuita.
Ultima ricevuta per forniture
È il modo per dimostrare che la casa non ha spese in sospeso

Certificato dei proprietari di comunità
Indica se siamo aggiornati con pagamenti e sversamenti o debito in essere, che verrà sottratto dal prezzo di vendita, il giorno in cui l'operazione viene eseguita. Deve essere firmato dal presidente della comunità dei proprietari o dall'amministratore della proprietà che gestisce l'edificio e l'amministratore decide il costo.

17/03/2020

17/03/2020

L'imprenditorialità è un grande salto professionale, indipendentemente dal campo in cui viene svolta l'attività economica, e deve avere una dose di coerenza e pianificazione, ma anche di coraggio. Uno dei primi passi per molti imprenditori è quello di trovare un luogo adatto in cui realizzare il loro progetto, uno spazio che diventerà la loro seconda casa. Nella sua importanza sta la necessità di trovare il posto perfetto. Quali sono le chiavi da tenere a mente per garantire il cento per cento?

Funzione e utilità
Il tipo di locale di cui avrai bisogno varierà a seconda dell'uso che ti verrà dato, dato che ogni tipo di attività richiede uno spazio diverso a seconda di ciò per cui viene utilizzato. Sembra ovvio, ma non fa mai male ricordare che le esigenze non sono le stesse per uno spazio di "co-working" come per un ristorante. Selezionare la posizione in base alle nostre esigenze e determinati obiettivi ci aiuterà a restringere la ricerca. Per questo, devi essere chiaro su ciò che farai in esso e su come svolgerai detta attività commerciale che vogliamo svolgere. Se sarà aperto al cliente, chiediti quanti espositori saranno necessari, quanti tavoli vuoi posizionare o quanti oggetti vuoi posizionare all'interno dei locali. Se è uno spazio chiuso, chiediti, tra l'altro, quanti sarai nella squadra. Conosci la tua attività meglio di chiunque altro.

Consulenza legale e normativa
Dobbiamo essere a conoscenza delle normative vigenti negli stabilimenti della nostra zona. Sia urbanistica che urbanistica, essenziale per evitare problemi prima dell'acquisizione della proprietà. È interessante richiedere un certificato di sviluppo urbano per vedere che tipo di attività possiamo installare. È importante che i nostri locali siano conformi alle normative sanitarie e ai requisiti che garantiscono la sicurezza e l'integrità dei locali. Se è condizionato, pulito da parassiti, privo di umidità ... Quando si decide su una proprietà, il primo passo è quello di accedere al registro delle proprietà. È importante conoscere i dati registrati relativi alla proprietà, per evitare spaventi dell'ultimo minuto. Successivamente, sarà necessario firmare il contratto di acconto e l'atto, oltre ad assumere i costi di elaborazione e le tasse, che rappresentano circa il 10%

posizione
Dobbiamo fare tutto il possibile per rendere lo spazio accessibile ai nostri clienti e ai nostri fornitori. Analizzare le possibilità e i prezzi per essere chiari in quale area sarà più facile per noi essere visibili e accessibili al nostro pubblico, risparmiando il più possibile in modo che l'investimento sia più redditizio.

distribuzione
Le dimensioni e la superficie, ovvero i metri quadrati utili, sono essenziali per scegliere la posizione perfetta, poiché lo spazio di cui hai bisogno dipenderà dall'attività che intendi svolgere al suo interno. La dimensione della superficie sarà determinata dal tipo di attività commerciale che vogliamo svolgere. Se sarà aperto al cliente, chiediti quanti espositori saranno necessari, quanti tavoli vuoi posizionare o quanti oggetti vuoi posizionare all'interno dei locali. Se è uno spazio chiuso, chiediti, tra l'altro, quanti sarai nella squadra. Conosci la tua attività meglio di chiunque altro.

Consulenza legale e normativa
Dobbiamo essere a conoscenza delle normative vigenti negli stabilimenti della nostra zona. Sia urbanistica che urbanistica, essenziale per evitare problemi prima dell'acquisizione della proprietà. È interessante richiedere un certificato di sviluppo urbano per vedere che tipo di attività possiamo installare. È importante che i nostri locali siano conformi alle normative sanitarie e ai requisiti che garantiscono la sicurezza e l'integrità dei locali. Se è condizionato, pulito da parassiti, privo di umidità ... Quando decidi di a

proprietà, il primo passo è quello di accedere al registro delle proprietà. È importante conoscere i dati registrati relativi alla proprietà, per evitare spaventi dell'ultimo minuto. Successivamente, sarà necessario firmare il contratto di acconto e l'atto, oltre ad assumere i costi di elaborazione e le tasse, che rappresentano circa il 10% del prezzo di acquisto. Sebbene alcuni locali debbano soddisfare più requisiti, la minima sicurezza e igiene deve essere presente in qualsiasi spazio.

concorrenza
Per quanto la tua idea sia, perderà il suo impatto se è circondata da concorrenti diretti. È importante che la tua posizione si trovi in ​​un'area strategica che ti aiuti fin dall'inizio a pianificare la tua attività con successo. Siamo in grado di determinare il tipo di locali che acquisteremo osservando come sono i locali del concorso e come sviluppano la loro attività.

Speriamo che dopo aver letto questi suggerimenti avrai meno dubbi quando acquisti un locale commerciale. Sappiamo quanto sia difficile prendere una decisione di questo tipo, assicurarsi di aver documentato e preparato prima di effettuare l'acquisto della tua vita.

Se vuoi scoprire di più sui luoghi per le opportunità commerciali, non dimenticare di visitare il nostro portale

17/03/2020

19/10/2018

28/09/2018

17/08/2018

Cookies allow us to offer our services. By using our services and continue to browse our site you accept our use of cookies.  Maggiori informazioni